internazionali.ulss20.verona.it, sito dell'Ufficio Rapporti Internazionali dell'ULSS 20 Verona, è costruito secondo gli standard del W3C (www.w3.org) per venire incontro a tutte le tipologie di utenti, piattaforme e browser. Sebbene i contenuti siano fruibili con qualsiasi dispositivo di accesso ad Internet, il design completo è disponibile unicamente utilizzando browser standard come ad esempio MSIE5/Mac, MSIE6-7/Win (www.microsoft.com), Mozilla/Firefox (www.mozillaitalia.it), Opera 7 (www.opera.com), Safari (www.apple.com/safari) o Konqueror (www.konqueror.org). Maggiori informazioni in inglese all'indirizzo www.webstandards.org.

Vai al contenuto

U.O.S. Audit e Progetti

ULSS 20 Verona (regione Veneto, Italia)

sei qui: home / attività / progetti: FSD / sommario · English
FSD

FSD

Flooding: Rapid Response & Simulation Schemes for Safety of Disabled
Esondazioni fluviali: intervento rapido e schemi di simulazione per il salvataggio delle persone con disabilità

Obiettivi

  1. Contribuire ad affrontare l'alta incidenza di vittime tra le persone con disabilità nel caso di grosse esondazioni fluviali;
  2. Scambio di esperienze e buone pratiche tra Protezioni Civili Europee relativamente a tecniche di pronto intervento e schemi di simulazione in caso di esondazioni e salvataggio di persone con disabilità.

Attività

  1. Identificazione degli attori da coinvolgere nel progetto, tra cui le unità di protezione civile, i servizi d'emergenza, le associazioni di volontari, le organizzazioni che rappresentato le persone con disabilità, i servizi sociali;
  2. Creazione di una rete di contatti di appoggio al progetto nell'ottica della sostenibilità e nello scambio di informazioni;
  3. Raccolta di protocolli di reazione rapida e di schemi di simulazione di salvataggio in caso di disastri;
  4. Implementazione di un inventario di raccolta delle esperienze esistenti e delle buone pratiche;
  5. Organizzazione di una Conferenza finale in cui presentare le raccomandazioni per le buone pratiche.

Risultati del progetto

  1. Raccolta delle esistenti esperienze di simulazione e di protocolli dundefinedintervento in caso di esondazioni;
  2. Scambio di esperienze e conoscenze sui bisogni delle persone diversamente abili in caso di esondazioni fluviali e loro disseminazione;
  3. Elaborazione di raccomandazioni e buone pratiche nella costituzione di tecniche di pronto intervento e di schemi di simulazione che prendano in considerazione le persone disabili.